Numero 2 - Dicembre 2018

La tarantella per una tarantola

Non sono appariscente e seducente come la Recoleta, elegante come l’Albert Memorial, attraente come il fenomenale PèreLachaise, magnifico come Montparnasse o raffinato come Montmartre mentre le gatte nere camminano pomposamente sopra di me. E poi non sono neanche una delle sale d’attesa per la morte che nascono sempre più spesso in tutto il mondo e nelle quali mancano solo i dispositivi touch-screen perché i nuovi arrivati prendano il loro numero di serie. Sulla mia testa non cresce un bosco di alloro anche se i raggi del sole cadono su di me come se fossero raccolti, e nella mia fantasmagoria marmorea la luna versa il muschio di champagne, quando restiamo soli, lontano dallo snobismo e dal prestigio, i quali ovviamente non stanno quieti neanche nella morte.

Leggi tutto

Numero 1 - Dicembre 2017

Sottile come il legame tra la scultura e la parola

La parola è un’arma potente e pericolosa, la parola è una carezza dell’anima ferita, la poesia a strati e la capacità di elevarsi al di sopra della natura animalesca. Lei è lo specchio del proprio creatore, però anche il polsino sulla camicia di colui che la riceve: fine, bella e potente perché, se punge il punto più sottile della pelle del collo e trafigge l’arteria, lei è anche mortale. Quando ero ancora piccola, un soldato mi ha insegnato che ogni arma deve essere rispettata e conosciuta bene.

Leggi tutto

© 2019 Stagiornale. Tutti i diritti riservati.

facebook_page_plugin